Come riconoscere l’intolleranza all’istamina

  1. La prima fase per riconoscere l’intolleranza è sicuramente un’attenta anamnesi del paziente alla ricerca di sintomi specifici.
  2. Bisogna valutare se tali sintomi possano essere ascrivibili ad alimenti ricchi in istamina
  3. Verificare se il paziente sia in cura con farmaci che inibiscono l’azione della DAO.
  4. Accertarsi che siano escluse patologie quali la mastocitosi, allergie alimentari e problemi a carico dell’apparato gastro-intestinale
  5. Compilazione di un diario alimentare che consentirà al professionista di associare strettamente i sintomi agli alimenti consumati.
  6. Si procede, dunque, ad una dieta povera in istamina verificandone i benefici.
  7. Se il soggetto presentava almeno 2 sintomi da intolleranza all’istamina e trova beneficio nella dieta povera in istamina, probabilmente si tratta di un soggetto intollerante. Si può procedere, dunque, alla verifica dei livelli di istamina e della funzionalità della DAO.

Articolo pubblicato sul blog Scienzintasca

Dott.ssa Gabriella Vittoria Durante


Le indicazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto con il medico. E’ pertanto opportuno consultare il proprio medico curante e/o lo specialista.


BIBLIOGRAFIA

Laura Maintz and Natalija Novak (2007) Am J Clin Nutr 85:1185–96

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *